CRISI: pericolo o opportunità

Non sappiamo cosa accadrà, è una situazione nuova sotto tantissimi punti di vista: medico, sociologico, psicologico, economico… si parlava del 3 aprile, ora sembra inevitabile andare oltre, molto oltre. Ci stiamo riorganizzando tutti, oltre alle abitudini quotidiane, riorganizziamo la vita sociale, le modalità di lavoro, il tempo… stiamo vivendo una CRISI. Ma cosa significa “crisi”? .

MITO: i plusdotati non hanno bisogno di aiuto, possono fare tutto da soli

E’ diffusa l’idea che i plusdotati abbiano qualcosa in “più” e pertanto non necessitino mai di aiuto.  Guardare alla plusdotazione solo come “quantità” (quoziente intellettivo, voti, risultati…) non tiene conto di una serie di aspetti che ne aiutano a descrivere la complessità: come va con l’organizzazione? L’autonomia? La gestione del tempo? Le relazioni con i.

SUPERVISIONI O UNA PLURALITA’ DI SGUARDI TERAPEUTICI

Forma mentis Nella mia formazione di psicoterapeuta sistemico-relazionale, le occasioni di apprendimento e di crescita professionale avvenivano insieme ad un gruppo, un gruppo di terapeuti in formazione come me. Essere insieme Dalle condivisioni in aula dei temi pregnanti per la tecnica e per l’epistemologia della terapia, alle équipe dietro allo specchio durante le terapie familiari,.

MITO: I plusdotati sono un gruppo omogeneo

C’è chi pensa che i plusdotati siano tutti uguali, o almeno molto simili tra loro.  Ma ciò che identifica la plusdotazione è una sorta di approccio alla visione del mondo. Un modo per riorganizzare la percezione di ciò che si osserva o che accade. Il resto è l’individuo.  Sicuramente ci sono tratti generali che accomunano.